lunedì 10 dicembre 2012

TT seconda parte L'ISOLA CHE NON C'E'

Seconda parte dedicata al TT, le bellezze dell'isola di Man: come fare turismo anche durante la manifestazione.
Si può andare all’isola di Man semplicemente per turismo ignorando la più importante gara motociclistica stradale del continente e forse del mondo? La risposta è negativa. Ma l’isola è bella, bellissima e questo è un piccolo resoconto per poter vivere la manifestazione e godere le bellezze paesaggistiche che questo luogo nel mare d’Irlanda offre.


Una premessa: all’isola di Man si va in moto e nel periodo del TT. Punto. Poi si può fare anche turismo, aggiungerei si deve, le occasioni, nonostante stiamo parlando di un’isola sono davvero notevoli ed interessanti, ma le premesse sono imprescindibili: moto e gara.
Non ascoltate pontificatori che vi arrivano in aereo e caso mai fuori stagione per visitare un’isola splendida. Il periodo, l’unico possibile per il motociclista, è dalla fine di maggio alla metà di giugno.
 “Siete arrivati all’isola di Man e questo vi mette in una posizione unica in relazione alle altre isole britanniche ” recita in apertura un opuscolo dell’ente turistico, ed in effetti la posizione di questo piccolo lembo di terra nel mare d’Irlanda dove nelle belle giornate è possibile vedere dai punti più panoramici le coste di Gran Bretagna ed Irlanda è davvero invidiabile.

La sua posizione riparata influisce anche sul clima sicuramente molto più temperato delle terre a lei vicina. Alla mia terza esperienza, posso dire di aver trovato sempre bel tempo!!!
Arrivare a Douglas nel periodo del TT è un’esperienza unica: i traghetti sfornano moto in quantità esasperante. Dappertutto, motociclisti, mezzi a 2 e 3 ruote di tutti generi. La città è la capitale amministrativa dell’isola, attiva, ridente, di medie dimensioni, punto di arrivo via mare. Assai interessante una visita al “Manx Museum”, dedicato all’archeologia, alle scienze naturali ed alla storia dell’isola, dove è possibile ripercorre 10.000 anni di storia in pochissimo tempo.
Ma il fascino di questa isola va ricercato altrove e proprio uscendo dalla città, spingendosi verso sud alla ricerca dell’alloggio, ci accorgiamo che sarà una settimana di sensazioni esaltanti.
I fumi di scarico, pochi, ed i palazzi in stile vittoriano, lasciano il posto al profumo della campagna, al suo abbagliante verde, ai muretti in pietra. Transiteremo nei pressi del Fairy Bridge, dove non bisogna dimenticare di salutare il simpatico folletto, che si dica porti fortuna ai concorrenti della folle manifestazione ma anche a spettatori e turisti.
Anche arrivando nel periodo della corsa, le gare sono alternate ad intervalli  di 2 giorni, quindi è possibile concedersi al turismo ed alle visite nei giorni di riposo. Diciamo che 6 o 7 giorni possono essere sufficienti per approfondirne la conoscenza, assistendo per giunta alle gare più interessanti che sono inserite nel programma a cavallo del Mad Sunday.
Le chicche per una visita soddisfacente, sono sicuramente i villaggi minori e le stradine secondarie per raggiungere i punti più panoramici. 
Noi ci stabiliremo a Port Erin, nell’estremo sud, piccolo villaggio ospitato in una baia sabbiosa ben riparata. L’abitato ospita anche il museo ferroviario, non che punto di arrivo della ferrovia storica, risalente al 1874, ma riaperta solo nel 2004. Da qui, seguendo la A36 è possibile arrivare a Peel, nella parte ovest dell’isola, guidando tra vedute spettacolari e godendosi la tranquillità delle zone rurali meno trafficate. Il piccolo borgo, considerato la culla dell’arte di Man, con il suo castello posto sull’isolotto di St Patrick e le rovine della cattedrale di St. German è senza dubbio il nostro preferito: assolutamente commoventi i tramonti che si possono godere dalla lunga passeggiata che fiancheggia il piccolo borgo, gustandosi, udite udite, un buon gelato, che qui è una delle specialità pasticciere della comunità. 
Per giungere al punto più settentrionale dell’isola, percorreremo ancora strade bucoliche immerse nel verde. Da Point of Ayre, nelle belle giornate primaverili, è possibile scorgere le coste di Irlanda ed Inghilterra. La grigia spiaggia sassosa ci indica che da qui non possiamo che tornare indietro, mantenendoci il più vicino possibile alla costa. Oltrepasseremo Ramsey ed una volta arrivati a Laxey devieremo verso le montagne. Una volta arrivati a Bungalow, puntando ad est, la vista si aprirà a 360°. Siamo a poco più di 500m d’altitudine, ma che spettacolo!!
Le strade, sembra impossibile, si restringono ancora, il traffico è praticamente inesistente, pochi km ma davvero inebrianti. Consigliamo di scendere a Ballaugh, ma è possibile anche scendere rapidamente verso Douglas.
L’isola è comunque tutta da scoprire, seguendo le stradine che permettono di arrivare nei punti più lontani e panoramici, siano essi sulla splendida costa che nella parte montuosa, situata all’interno. I punti più spettacolari sono senza dubbio quello a nord-est tra Maughold e Laxey, la parte centrale tra Bungalow e Ballaugh o Cronk-y-Voddy e quella tra Port Erin e Peel.  Il giudizio è puramente soggettivo, ma la campagna e la vista che si può godere da alcuni punti panoramici percorrendo queste zone, sono davvero entusiasmanti. Dallo spiazzo che sovrasta il faro di Maughold, a pochi km ad est di Ramsey, naturalmente nelle belle giornate, sarà difficile non rimanere in contemplazione, dimenticando completamente qualsiasi altro tipo di programma od impegni della giornata.
Un’esperienza senza dubbio particolare può essere quella di viaggiare sulla ferrovia storica elettrica, risalente anch’essa all’epoca vittoriana, che segue uno spettacolare itinerario costiero da Ramsey fino a Port Erin, concedendosi una divagazione, per salire in montagna, nei pressi della vetta più elevata dell’isola, lo Snaefell, posto a 621m.
Cosa bisogna sapere dell’isola
L'Isola di Man è una dipendenza della monarchia britannica, ma ha un governo autonomo. Il capo dello Stato è la regina Elisabetta II che ha il titolo di Lady of Man, ed è rappresentata da un Vice governatore (Lieutenant Governor). Il Regno Unito ha responsabilità per la difesa del territorio e di rappresentanza nei congressi internazionali, mentre il governo locale ha competenza su quasi tutti gli affari di politica interna. Il Parlamento è chiamato Tjnwald e risale al 979 d.C.; è formato da due Camere: la House of Keys, eletta direttamente a suffragio universale e il Consiglio Legislativo, cui appartengono membri eletti d’ufficio; esiste anche un Consiglio dei Ministri, presieduto da un Primo Ministro, che attualmente è Donald Gelling (2005). Sotto la pressione delle richieste di riforma per la House of Lordsdella Gran Bretagna, l’apparato governativo dell'isola sta per essere modificato: alcune proposte intendono trasformare il Consiglio Legislativo in una Camera di membri ad elezione diretta.                                                                                                                        Si ritiene, erroneamente, che l'Isola di Man appartenga al Regno Unito; secondo la legge britannica non lo è, almeno formalmente, sebbene si occupi della politica estera e della sua difesa. L'isola, negli anni '70, ebbe una controversia con la Corte europea dei diritti umani, vista la sua riluttanza ad abrogare le leggi sulla fustigazione (punizione corporale per trasgressori maschi); anche la legge sulla sodomia (relazione consensuale tra uomini adulti) ha resistito a lungo ed è stata modificata solo nei primi anni'90.                                                                                                                          
L'Isola di Man non è né membro, né aderisce all'Unione Europea; tuttavia, il Terzo Protocollo del treaty of accession of the United Kingdom, legittima gli scambi commerciali con quote tariffarie non imposte dall’UE e, insieme ad un accordo con il Regno Unito su tributi ed imposte, favorisce il libero mercato con i paesi del Regno Unito. I residenti non possiedono la cittadinanza mannese, bensì quella britannica; a quelli definiti mannesi, in base al Terzo Protocollo, una dicitura sui loro passaporti impedisce di risiedere o lavorare liberamente nei paesi dell'UE. Questo è un fatto anomalo, poiché il trattato che ha sancito la costituzione dell’UE (ex CEE) stabilisce a chiare lettere che tutti i cittadini degli stati membri sono anche cittadini dell’UE.                                                                  
I viaggi ed il turismo sull’isola sono regolamentati dalla legislazione locale. I cittadini britannici e della Repubblica d'Irlanda non necessitano di passaporto; quelli dell’UE devono avere una carta d’identità; coloro che provengono da paesi per i quali è necessario un visto d’ingresso nel Regno Unito devono richiedere anche un visto speciale per l’Isola di Man, rilasciato da un ente diplomatico britannico. Tutti i non residenti, compresi i cittadini del Regno Unito, devono avere un permesso di lavoro per poter soggiornare a lungo.  
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Il Triskelion                                                                                                                                                       L’antico emblema dell’Isola di Man conosciuto da secoli è il Triscele - una figura formata da tre gambe piegate, ognuna con uno sperone, che partono da un centro comune. Non esiste un’immagine ufficiale, poiché è raffigurato con diverse varianti sulla stampa di governo, sulle monete, sulle bandiere, sulle pubblicazioni turistiche.
La particolarità del triscele dell'isola di Man, che forse rappresentava il sole, è la sua forma sempre simmetrica, da qualsiasi punto la si osservi: alcuni hanno un senso orario, altri un senso antiorario; in alcuni la coscia più in alto corrisponde al mezzogiorno, in altri alle 11.30 o alle 10.00; in alcuni il ginocchio è piegato con un angolo di 90°, in altri a 60°, in altri ancora a quasi 120°; anche la calza che ricopre le gambe e gli speroni sono diversi tra loro; tutti, comunque, sono un riferimento diretto al motto in latino dell’isola “Quocunque Jeceris Stabit”, che significa “Ovunque lo si getti, resterà in piedi”, una frase che sottolinea la fermezza e la forza di carattere del popolo mannese, e che molte scuole hanno adottato come esortazione ad essere tenaci e lavorare duramente. Varianti del triscele appaiono ancora oggi sullo stemma che illustra i diversi rami della antica nobiltà norvegese che governò l’isola fino al 1200. Questa versione appartiene alla famiglia Skancke. I successori di Magnus III e di Godfred Magnuson  emigrarono in Norvegia dopo il fallimento nel 1275 della ribellione contro gli Scozzesi e divennero cavalieri, proprietari terrieri ed ecclesiastici di quel regno.

“La ruota di Laxey”                                                                                                                                                   Con un fantastico diametro di 22 metri e messa in funzione nel lontano 1854, Lady Isabella, chiamata così dal nome della moglie del governatore del periodo, fu un’imponente impresa del periodo vittoriano, costruita per pompare acqua dalle Miniere di Laxey. Ora, dopo più 150 anni, le miniere hanno da tempo chiuso, ma la grande ruota è ancora lì ed è una delle principali attrattive dell’isola. Per celebrare questa caratteristica struttura che contraddistingue il paesaggio della zona, il “Manx National Heritage” e “Laxey & Lonan Heritage Trust” hanno restaurato la possente struttura che i visitatori possono vedere in azione nel periodo estivo.                                                                                                                                                                                                                                   “Quando partire”                                                                                                                                                  L’isola gode di un clima davvero invidiabile, nonostante la posizione tra 2 catalizzatori di pioggia quali Inghilterra ed Irlanda. Da primavera inoltrata, fino ad agosto non ci sono particolari controindicazioni, anche se la fine dell’estate può essere più piovosa, ma ripeto sarebbe davvero un peccato non approfittare dell’occasione di poter anche assistere al TT.Tenere presente comunque della latitudine, ed anche con tempo buono, il freddo può essere anche pungente.

Le strade                                                     
Il sistema viario dell’isola è davvero in ottimo stato di mantenimento, ottimo l’asfalto anche se le strade secondarie sono spesso assai strette.
Tenere presente che, la circolazione è, come in Inghilterra ed Irlanda, a sinistra. Se si percorre il circuito, nella prima parte, quella che transita nei villaggi, prestare molta attenzione ai limiti di velocità, la polizia è inflessibile e di controlli assai frequenti.
INFORMAZIONI UTILI
I primi di gennaio rappresentano il termine ultimo per partire con programmazione e la sicurezza di avere un biglietto per il traghetto, senza la spada di Damocle del waiting list. 
Il sito per il 2013 è già operativo e consiglierei di dargli già una “consultatina” nel caso siate interessati TT 2013
Per chi invece decidesse di seguirci in irlanda NW200
A voi la scelta!!
Per il TT ed in condizioni normali, i primi di febbraio rappresentano il termine ultimo per richiedere la prenotazione per i traghetti, senza la spada di Damocle del waiting list.
Consultate il sito che al momento della pubblicazione dell’articolo non aveva disponibili le tariffe per l’anno prossimo  www.steam-packet.com
Informazioni sul web: www.visitisleofman.com
operatori aerei e navali: www.skyroad.com
DORMIRE
Port Erin
Balmoral Hotel, tel. 01624 833126, fax 01624835343, balmoralpe@advsys.co.uk, 30£
The Nook, tel. 01624 837561, £20 poppydabell@aol.com
Regent House, tel. 01624 833454, £25regenthouse@manx.net
Peel
“Gien Mie”, tel. 01624 843844, £24 davemorris2@manx.net
“Albany House”, tel. 07624 483866
Douglas
“Devonian Guest House”, tel. 01624 674676, fax 01624 660213, £20 devonian@manx.net
“Adelphi Hotel”, tel. 01624 676591, fax 01624 629445, £23 carrlen@hotmail.com
“Melrose Guest House”, tel. e fax 01624 675271, £20 enquiries@melroseguesthouse.co.uk
MANGIARE E BERE
Fondamentale è sapere che gli orari sono abbastanza rigidi e strani, soprattutto al di fuori dei 2 centri maggiori Douglas e Ramsey, sicuramente vi capiterà di trovare il ristorante chiuso e solo il bar in funzione. In compenso le pubblicazioni distribuite gratuitamente dall’ente del turismo sono assai dettagliate sugli eventi e le possibilità di trascorrere piacevoli serate tra promozioni dei vari locali e musica dal vivo.
Assai simpatica l’iniziativa di alcuni pub che con l’ingresso ad £1 permettono di bere birra a volontà.
La moto
13000km percorsi in poco più di 5 settimane, nessun inconveniente di rilievo, una percorrenza media di circa 16-19km litro, consumo d’olio nullo. Questi i numeri di questa prova per il nuovo mezzo che ha tutte lke caratteristiche per animare il mercato delle enduro bicilindriche. Finalmente!! Mi sono davvero divertito, gran bella moto. Particolarissima nelle sue forme spigolose, leggerissima, maneggevole, potente, con un assetto di riferimento, la KTM si è buttata da un paio di anni nel settore delle maxi enduro, con un modello completamente inedito, derivato direttamente dalle competizioni. Nonostante la giovinezza del progetto, anche il motore ha meno di 3 anni di vita, è oltremodo affidabile. La moto è un vero spasso, si preme lo starter, si parte e si entra in un parco giochi: accellerazioni fulminee, inserimenti rapidissimi in curva, un assetto in grado di sopportare anche le strade più sconnesse, qualsiasi pensiero viene recepito telepaticamente dal mezzo che permette di mantenere ritmi davvero sostenuti, nonostante la ruota da 21 e coperture non propriamente stradali, che probabilmente rappresentano il suo tallone d’Achille. Nonostante la scolpitura non propriamente stradale le percorrenze metriche si attestano tra gli 8 ed i 10000km. In grado di dare soddisfazioni appaganti anche nel mountain durante il Mad Sunday!!
Ho avuto in prova la versione Sport: davvero un gran bel mezzo e mi piace anche.

























Nessun commento:

Posta un commento