giovedì 4 marzo 2010

LIBIA la strada nel deserto




Aprile 2006, durante i disordini a Bengasi, in Cirenaica. Un viaggio in solitario, un itinerario affascinante, un nastro d’asfalto che taglia come una lama una delle parti più belle del Sahara, per raggiungere le 2 città più lontane nel deserto libico, includendo escursioni fuoristradistiche con guide e jeep del posto. Come assaporare il gusto del deserto.
ITINERARIO- Gadhames, Derj, Garhiat, Hun, Sabha, Ubari, Al Awaynat, Ghat.
LUNGHEZZA- 2.000km circa

FONDO STRADALE- è asfaltato e, tutto sommato, forse un po’ ottimisticamente, in buono stato ed è già tanto. Il tratto peggiore è probabilmente quello tra Hun e Sabha, ma anche quello prima di arrivare ad Al Awajnat non scherza, con numerose crepe che lo rendono più simile ad un toule ondulè.
PERIODO CONSIGLIATO- niente estate, calcolate che già ad aprile le temperature nell’Akakus possono superare i 50°!!! In inverno le giornate sono chiare e limpide ma molto più corte e le notti possono essere assai fredde.
Già lasciando Nalut ci si accorge che ci si sta spingendo verso l’ignoto. Anche la strada riduce la carreggiata quasi timorosa di invadere spazi a lei non concessi. Lo spettacolo è affascinante. Darwin, parlando del deserto, definiva le sue”qualità negative”, irresistibili. Perché? La sua risposta era che simili terre lasciano libero sfogo all’immaginazione. Come contraddirlo? L’importante sono le sensazioni: rallentare spesso, guardarsi intorno, immergersi completamente in questo niente assoluto. Come trasformare il monotono in qualcosa di suggestivo, quasi ipnotico. Andando il paesaggio è in trasformazione, le aride colline cedono il passo all’immensità sconfinata del deserto: il Sahara! Dopo Derj si piega decisamente ad ovest e dopo un centinaio di km ecco apparire nel nulla l’oasi di Gadhames, “la perla” come viene spesso definita. Giungerci al tramonto con le luci che si allungano nel deserto già vale il viaggio che di fatto non è ancora iniziato. Città millenaria, punto di transito presso che ininterrotto per carovane provenienti da ogni parte del continente africano. Giustamente dichiarata patrimonio dell’umanità è sicuramente la città antica più grande e meglio conservata del paese, una tappa obbligatoria a cui è impossibile rinunciare. La parte antica e praticamente disabitata, nonostante nel 1984 vi vivessero quasi 7000 persone, tutte trasferite nel giro di 4 anni in alloggi più moderni. Camminare nel dedalo di viuzze, un labirinto di strade coperte che fanno affidamento sulla luce naturale, per mezzo di lucernai, suggestivi, spesso equidistanti tra loro ed alti persino 10 metri, non può che lasciare esterrefatti. Di solito il pacchetto turistico include la visita ad un lago salato, un castello e, conclusione della giornata tramonto dall’alto di una delle dune che si affacciano verso il vicinissimo confine algerino, ma non stupitevi troppo, visto quello che vi attenderà a sud. 

Il giorno dopo sarà strada, tanta strada, la meta è Hun, circa 800km, nel mezzo, il solito, fantastico niente, qualche distributore di benzina, pochi in verità. Nel tratto più desolato quello da Darj a Ghariat, circa 300km incrocerò un convoglio di 4 camion (ebbene sì in queste zone non si viaggia mai da soli!!!), un pulmino di turisti fermo per problemi meccanici ed un paio di macchine. In compenso me la caverò con 7 dinari di benzina, circa €4!!!! Arrivo al posto di blocco prima di Hun e dalla guardiola alcuni militari in borghese a cenni mi invitano ad avvicinarmi. Entro e mi offrono dell’acqua. Prendo la bottiglia e la riempiamo. Uno dei ragazzi compare con un pacco pieno di datteri, saranno almeno 3kg, me li offre. Ne arriva un altro con delle lattine di gassosa, offerte anche queste. Mi chiedono se ho bisogno di benzina, ma rispondo che con questa moto non ho problemi di autonomia. Mi domandano quanti litri contenga il serbatoio: “24” rispondo, naturalmente a gesti. Sono allibiti, non credono che possa percorrere 400km e più senza fare rifornimento. Hun, volutamente inserita nell’itinerario, merita 2 righe a parte. 6 anni fa vi ero arrivato cercando una persona ed avevo conosciuto 2 amici. Abubaker ed Abdul Fatah, conosciuti poche ore prima, mi avevano ospitato nella casa del primo, dato che, come al solito, ero senza soldi e senza la possibilità di poter cambiare in nero. Ricordo ancora adesso quando i 2 confabulando in arabo, mi avevano poi comunicato:” ok, secondo noi c’è solo una possibilità per te: resti a dormire a casa di Abubaker, stasera sei nostro ospite a cena, e domani cambi il denaro a Misurata”. Ho con me le foto delle loro bambine, scattate nel 1999, che avevo provato ad inviargli appena rientrato in Italia ma che non hanno mai ricevuto. Rintraccio facilmente Abubaker, è al suo negozio ed insieme andiamo da Abdul Fatah. Trascorreremo tutto il pomeriggio insieme, visitando questa sonnolenta cittadina del deserto libico. 
“stavolta ho più soldi dell’altra volta”. Ma non c’è niente da fare, dormirò nella stessa stanza, nello stesso angolo e mangiando alla maniera araba insieme ai 2 miei amici.


L’indomani, il tratto per arrivare a Sabha, seguendo la strada più meridionale è anche quello peggiore per quanto riguarda la qualità dell’asfalto, una specie di crosta piena di crepe che non lascia scampo ad ammortizzatori e schiene. Traffico? Quasi inesistente!
Arriverò nel tardo pomeriggio e la sera conoscerò in un caffè Alì. Parla inglese e, durante la discussione chiedo della Cirenaica e dei problemi di Bengasi. Mi conferma come avevo notizie, che quella è sicuramente la zona di tutto il paese dove Gheddafi ha meno consensi popolari e ritiene che gli scontri, sfociati in una carneficina con 15 morti e decine di feriti, siano stati generati da un malcontento radicato e diffuso verso l’establishment governativo più che verso consolati e rappresentanze straniere, in questo caso la nostra, fra l’altro l’unica presente in quella città. Parliamo anche dell’idiota con la maglietta, ormai ex ministro, ma probabilmente sono risentito nei confronti di tanta stupidità più del mio interlocutore. Secondo Alì un altro grave problema del suo paese è la diffusa povertà di alcune aree, specialmente nel sud, anche se ritiene che il governo stia cambiando strategia, interessandosi maggiormente a queste zone depresse. 
Sabha è comunque un importante centro turistico, che non ha particolari punti di interesse ma una discreta vivacità. Da qui si parte per tutte le escursioni alle maggiori attrattive della zona: le dune di Ubari, il deserto dell’Akakus e quello del Murzuq.
Ma si può fare diversamente ed andare per strada, partendo direttamente da Ghat o da Al Awynat per l’Akakus e dalla zona di Ubari per i suoi laghi. In una sola parola? Fantastici! La prima è un’escursione che dura tra i 2 ed i 4 giorni,la seconda può essere affrontata in giornata. Ma di cosa parliamo esattamente? 
Perché tanta fatica, tanto calore e conseguente sudore per arrivare in un posto dove anche d’inverno ci sono temperature che sfiorano i 30°?
Queste sono
probabilmente le maggiori attrattive del Sahara libico e presentano alcuni dei paesaggi desertici più spettacolari del mondo. Il mare di sabbia di Ubari si estende per migliaia di km quadrati e nasconde tra le sue gigantesche dune di sabbia rossa una serie di laghetti che hanno qualcosa di fiabesco e fantastico, orlati da decine di palme.
Il Jebel Akakus è forse ancora più affascinante ed inquietante. Immaginate una catena montuosa di roccia vulcanica, nera e sotto un mare di sabbia arancione, a volte rossa, a seconda delle condizioni di luce e del periodo dell’anno che lo si visita. Un contrasto cromatico da lasciare allibiti!
A questo va aggiunto che molte delle formazioni rocciose sono abbellite da incisioni e dipinti rupestri, alcune splendidamente conservate e risalenti fino a 12.000 anni fa. C’è poco da fare, bisogna andarci almeno una volta. E così ancora strada. La temperatura ed i colori avvertono che si sta per entrare in una zona climatica diversa. Anche la temperatura, fino ad ora tutto sommato piacevole ha un’improvvisa impennata, superando i 30°. In aprile 7 anni fa nell’Akakus trovammo 55° all’ombra!!! Sono con un mese di anticipo, per fortuna. Ad Ubari le ultime case, un distributore di benzina e qualche negozio di generi alimentari prima di altri 280km di pace assoluta: traffico inesistente, vento, sabbia. Arrivo ad Al Awaynat e sono ai confini del mondo, anche gli stanchi abitanti che si riparano dal sole e dal vento nelle zone in ombra delle loro case osservano questo uomo nero chiedendosi dove vada. Ghat, vado a Ghat, la porta d’ingresso dell’Akakus! E le montagne nere cominciano ad apparire dopo circa 60km, sulla sx, alte, imponenti, mi scortano nelle ultime decine di km fino all’ingresso di questa piccola, vivace cittadina di circa 16.000 abitanti.
Questo è praticamente uno dei pochi insediamenti tuareg permanenti nel Sahara con una ben conservata Medina dominata da un castello iniziato dai turchi ma terminato solo con l’arrivo degli italiani che lo trasformarono in una caserma. Mi sistemo in una specie di ostello senza insegne, dove sono l’unico turista tra lavoratori che provengono da paesi confinanti, in cerca di condizioni sociali migliori o semplicemente sostando temporaneamente in attesa di spingersi più a nord. Tutti parlano francese al contrario mio, ma i sorrisi e la cordialità la fanno da padrone anche in mezza a tanta incomprensione linguistica. La sera sono seduto in uno dei 2 ristorantini sulla via principale dove un corpulento cuoco disossa polli e cuoce kebab con perizia certosina proprio in mezzo alla strada.
Montone, insalata ed un po’ di riso, oltre all’immancabile acqua.
Ascolto suoni, rumori, risate, discorsi che non capisco.
Sono alla fine del viaggio. No, da qui non si può che cominciare.

Ghadames
“Il gioiello del Sahara” come viene spesso definita, si ritiene esista da almeno 3000 anni ma della sua storia prima dell’occupazione romana avvenuta nel 19 a.C. si sa ben poco. Ai roamni succedettero i bizantini, ma la svolta avvenne nel VII secolo, quando la città passò sotto il controllo dei mussulmani, convertendo la maggior parte della popolazione berbera all’islam. E’ interessante notare come, nonostante fosse uno die principali centri commerciali del Sahara, Ghadames producesse un solo articolo degno di nota e nemmeno particolarmente redditizio: le pantofole ricamate. La città divenne tuttavia un importante porto franco per le merci provenienti da tutta l’Africa e, fatto per una città con pochi prodotti locali, ebbe le proprie carovane di mercanti. La portata dell’attività commerciale di Gadhames ed il volume delle merci che transitavano erano tali che, quando una carovana arrivava in un villaggio al di là del Sahara, tutti davano per scontato che provenisse da Gadhames. La città si distingueva anche per il fatto che i suoi più ricchi mercanti raramente viaggiavano di persona, ma preferivano affidarsi ad una rete di agenti estesa in tutta l’Africa, i quali controllavano il carico ed effettuavano le transazioni al posto dei reali proprietari, veri imprenditori del deserto. Il raggio d’azione degli agenti era impressionante estendendosi dalla Mauritania all’Egitto, dal lago Ciad al Mediterraneo, e tuttora si possono rintracciare loro discendenti in tutta l’Africa. Un dato interessante è che oggi i conducenti di carri merci sono quasi tutti originari di Gadhames. 
Fra i prodotti che nell’antichità passavano per Gadhames, prima di raggiungere la costa dalle regioni centrali dell’Africa c’erano pietre preziose, argento, oro, avorio, cavalli della Tripolitania, datteri e piume di struzzo. Gran parte della merce era destinata ai suq delle città costiere del nord Africa, mentre gli articoli più preziosi venivano imbracati per l’Europa e la Palestina. Nella direzione opposta transitavano testi religiosi, perle e lino provenienti rispettivamente da Venezia, Parigi e Marsiglia.
Le dune
Le dune costituiscono uno dei grandi misteri del Sahara. Nel deserto le particelle di sabbia sono relativamente pesanti, quindi anche i venti più impetuosi raramente riescono a sollevarle ad un’altezza superiore ad un metro e mezzo. E’ sufficiente una leggera protuberanza nel terreno per determinare un fenomeno chiamato in inglese “cresting”, ossia l’accumulo della sabbia. Il versante della duna rivolto in favore di vento è di solito più compatto e meno ripido di quello posto dall’altra parte del crinale. Sospinte costantemente dai venti, le dune avanzano poco per volta, singolarmente od a piccoli gruppi. I mari di sabbia sono relativamente stabili perché si sono formati nel corso dei millenni in seguito alla frantumazione della roccia, ridotta a piccole particelle di quarzo e di sabbia. Le dune si creano nei luoghi che presentano formazioni geologiche favorevoli (spesso anche molto piccole) e venti che soffiano in direzione costante. Nel corso del tempo la base si fa sempre più compatta ed esse diventano un elemento permanente del paesaggio. Le dune più comuni sono quelle a barcana o a mezzaluna (il nome si riferisce alla forma del crinale), le seif (termine arabo che significa spada), che hanno il crinale molto ampio e lungo, e le akhlè, una rete di dune disposte senza una schema riconoscibile. Tanto nell’Idehan Ubari, quanto nell’Idehan Murzuq si trovano splendide combinazioni di tipo diverso.
MANGIARE E DORMIRE
Ghadames
“Kafila” il proprietario Kariù, parla italiano e, in albergo strapieno mi ha lasciato dormire nell’adiacente struttura riservata alle guide ed alla polizia turistica dei vari gruppi. Ristorante e circa 40 dinari per la mezza pensione
Sabha
“Funduq Al-Jebel”, ristrutturato, si trova in cima ad una collina alquanto fuori mano a più di 5km dalla periferia della città. Atteggiamento da primi della classe, un po’ antipatico, visto l’ambiente. 45 dinari più la cena
“Funduq Al-Mehari” in città, decisamente mi è piaciuto di più, con personale cortese e disponibile, buono anche il rapporto qualità prezzo, 30 dinari
Ghat
Non ci sono tante alternative oltre ai 3 campeggi con bungalow nell’immediata periferia di questo piccolo centro. C’è un alberghetto che non è gran che, io ho optato per una struttura alternativa, un ostello per locali, rovinato, sporco, ma con personale simpaticissimo e cordiale, oltre che molto economico, 15 dinari.
Consigli pratici
Informazioni di carattere generale per non partire impreparati verso quella che rappresenta una delle mete più gettonate del nord Africa: siti internet, numeri di telefono, documenti necessari, indirizzi utili, curiosità, cartografia. Un vademecum senza pretese per approfondire il pre partenza più qualche notizie su moto, materiali ed abbigliamento usati.
Prima di partire può essere utile consultare i seguenti siti, dove è possibile trovare un sunto degli avvenimenti nazionali, consigli generali sulla sicurezza, informazioni sulle strutture sanitarie, i documenti d’ingresso, le disposizioni valutarie e doganali, vari indirizzi di pubblica utilità, insomma un po’ di tutto quello che può servire per partire in relativa tranquillità:
Sahara el-Kebira, sito in italiano dedicato al Sahara www.sahara.it
153 Club, questa associazione, che prende il nome dall’omonima cartina Michelin, gestisce un bellissimo sito web sul deserto www.manntaylor.com/153.html
Libya Online, portale dedicato alla musica, affari e viaggi www.libyaonline.com
Libri on line, da questo sito è possibile accedere alla versione italiana del libro verde di Gheddafi, www.amicus.it/libri/libroverde
Libya our home, probabilmente la più vasta raccolta di link sul paese: ne fanno parte pagine di storia, arte, diritti umani, sport e viaggi www.ourworld.compuserve.com/homepages/dr_ibrahim_ighneiwa/
Libya resources on the internet, tratta svariati argomenti ed approfondisce alcuni temi come l’economia; numerosi i link ad altri siti interessanti www.geocities.com/LibyaPage/
Sahara Overland, gli amanti del deserto troveranno recenti racconti di viaggio ed utili informazioni www.sahara-overland.com
E’ anche possibile chiamare il numero del servizio  informazioni per i viaggiatori per l’estero istituito dal dipartimento dei turismo in collaborazione con il ministero degli affari esteri e l’ACI, tel. 06491115.
Per inoltrare la richiesta di visto, che viene rilasciato dall’ambasciata libica in Italia bisogna essere in possesso di un passaporto valido per almeno 6 mesi. Non è più necessaria la traduzione in arabo.
La cosa non è molto semplice e non lo è mai stata, per quanto riguarda i viaggi individuali. Bisogna appoggiarsi ad una agenzia di viaggi che abbia agganci con referenti libici, che dovranno organizzare la trasferta nei minimi particolari. 
Con gruppi superiori alle 4 unità, in teoria, è obbligatoria anche la scorta di un poliziotto turistico.
Io sono riuscito ad entrare in maniera autonoma, per poi muovermi liberamente, presentando delle credenziali giornalistiche, grazie all’interessamento di “Macedonia Adventures” che opera nel settore ormai da diversi anni, tel. 0744277197, fax 0744277384, viale VIII marzo 6/8, Terni, www.macedoniatour.com e-mail macedonia@macedoniatour.com sono stati bravissimi e sicuramente da consigliare. Nel mio caso, si sono occupati dell’espletamento di una pratica assai particolare, considerando anche il periodo e le recenti problematiche di Bengasi. A Tripoli ho avuto l’occasione di incontrare Abdù, il loro referente in loco, persona anch’essa squisita e disponibile. Posso dire alla fine di non aver incontrato nessun tipo di problema.
Nell’espletamento delle formalità doganali sono incluse anche quelle per quanto riguarda il mezzo: al confine viene rilasciato un carnet de passage en douane, l’assicurazione libica ed una targa in arabo che dovrà essere posizionata sul mezzo. Fissatela bene, io ho usato del filo di ferro, per non rischiare di perderla ed avere problemi all’uscita del paese.
Dopo l’ingresso ed entro 7 giorni bisogna apporre un timbro ed una marca da 10 dinari sul passaporto, anche in questo caso è l’agenzia che si occupa della procedura.
Avevo con me anche la patente internazionale, che però non è mai stata richiesta ai controlli di polizia.
La valuta ufficiale è il dinaro. Il cambio è di circa 1.6 per 1€.
Prima del 2000 era assai conveniente cambiare in nero con un rapporto rispetto a quello ufficiale di 1a 5/6. Ora il cambio è stato unificato quindi non ci sono grosse differenze.
Rivolgersi alle banche anche se il cambio, con le stesse tariffe, viene ancora effettuato nelle gioiellerie ed in tutte le attività che commerciano in preziosi.
Anche così il paese è ancora assai conveniente per gli standard europei.
Accettati da tutti gli €.
All’uscita del paese se avete ancora dinari l’unica possibilità è rappresentata da chi vi offrirà il cambio in nero dopo il confine. Al momento del viaggio il cambio ufficiale era quasi di 1:1 e chiedevano 0.9:1, io sono riuscito a cambiare a 9.5:1.
Il costo della benzina è fisso e, udite udite, ammonta a 150 centesimi di dinaro per litro. Scusate ma la cosa va rimarcata con un esempio: 10litri costano 1.5 dinari, cioè un po’ meno di 1€, quindi 10 centesimi a litro, meno di 200 delle vecchie lire, davvero un bel macinare km risparmiando!!! 
Seguendo strade asfaltate è possibile raggiungere gli angoli più sperduti di questo vastissimo paese. Le condizioni in genere sono abbastanza buone anche se alcuni tratti desertici sono alquanto sconnessi e presentano profonde crepe a cui bisogna prestare molta attenzione. Considerare comunque che si viaggia in Africa e di non farsi ingannare dalle apparenti buone condizioni del manto stradale. Sconsigliato viaggiare di notte, ma certe volte, soprattutto nelle stagioni più calde, sarete costretti a farlo: prestare moltissima attenzione.
Per quanto riguarda le escursioni nel deserto, beh, qui le cose si complicano, oltre a necessitare di un mezzo adatto è assolutamente sconsigliato viaggiare soli e non rivolgersi a guide locali.
Per quanto riguarda informazioni pratiche prima della partenza, www.viaggiaresicuri.mae.aci.it a cura dell’ACI, in collaborazione con il ministero degli affari esteri, offre utili informazioni circa documenti, norme sanitarie e misure di sicurezza.
In Libia sono presenti numerosi ostelli che permettono di dormire a cifre irrisorie. Va detto che anche le condizioni igieniche sono spesso allineate alle tariffe praticate.
Per maggiori informazioni sul mondo degli ostelli, contattare “AIG”, l’associazione italiana alberghi per la gioventù, via Cavour 44, Roma, tel. 064871152, fax 064880492, www.hostels-aig.org e-mail aig@uni.net
In più per i soci all’estero è possibile consultare l’elenco completo per quanto riguarda le agevolazioni valide per gli affiliati andando su www.iyhf.org
Per quanto riguarda gli alberghi la situazione è molto migliorata rispetto al passato e continua a migliorare: con circa 30 dinari è possibile dormire in strutture alberghiere che noi considereremmo tra 1 e 2 stelle.
In Libia c’è differenza di 1 ora in più rispetto all’Italia.
Per quanto riguarda la polizia, i controlli sono regolarmente distribuiti su tutto il territorio, anche nei punti desertici più desolati, ma nessun tipo di problema, tutto tranquillo, anzi ho dovuto spesso accettare una sosta caffè, più piccoli doni (datteri, bevande, cibo…) e rifiutare l’offerta di benzina per continuare il viaggio: da solo e con un serbatoio così piccolo….
CARTOGRAFIA
Carta nazionale Michelin, n. 953, Africa nord ovest scala 1:4.000.000 www.ViaMichelin.com considerare che le indicazioni, quando sono presenti, sono quasi tutte in arabo, quindi nella maggior parte dei casi bisogna attendere e chiedere la direzione giusta.
Guide: Le “Lonely Planet” sono pubblicate in Italia da "EDT srl" ed hanno in commercio “Libia” (€18,00) www.lonelyplanet.com/italia
Finalmente dopo anni che le uso con relativa soddisfazione, posso muovere le prime serie critiche: la guida, alla sua terza edizione, è del 2002, ben 4 anni, troppi. In un paese in continua evoluzione, come appunto è la Libia, le informazioni diventano subito vecchie, datate ed inaffidabili. Sicuramente le originali in lingua inglese, hanno tempi di aggiornamento molto più rapidi.














Nessun commento:

Posta un commento