giovedì 30 agosto 2012

BISHKEK



17 agosto
Pierandrea dice che a Alamty c’è una concessionaria BMW, io penso che i meccanici locali sono decisamente all’altezza di riparare guasti anche piuttosto gravi. Il suo meccanico da Perugia, non facciamo nomi per non fare pubblicità negativa, dice che senza l’estrattore e se non hai mai fatto un lavoro del genere, conviene cambiare tutto il cambio, io penso esattamente il contrario: l’ingegno, l’inventiva, la perizia ed anche le capacità dovute all’esperienza ed alla necessità di doversi arrangiare, in queste situazioni fanno la differenza!! Sempre dall’Italia, gli dicono che avendo i giusti attrezzi è possibile fare il lavoro anche da soli, io penso che questa è una stronzata ciclopica e lo dico anche!!! Pierandrea stranamente non reagisce, ormai i nostri scontri mediati da Ettore e da una frequentazione decennale che spazia ormai nel recinto di una a volte strana ma consolidata amicizia, sono presso che quotidiani! Con questi presupposti i contatti italiani che abbiamo trovato a Bishkek, ci fanno conoscere uno dei costruttori edili più importanti della capitale che si presenta con il suo factotum, Gina, non so se si scrive così, ma Eugenio in italiano, che una volta visto il mezzo e verificato il problema, dice di conoscere il meccanico giusto. Entriamo così nel mondo di Ali, 2 box in ferro in un parcheggio "abusivo" custodito.
il piccolo regno di Alì!!!
Lo vedo, mi è subito simpatico, dò un’occhiata alla sua officina e mi rendo conto  che siamo capitati nel posto giusto! Deve smontare il mezzo, ma la comunicazione è piuttosto complessa, telefonata ed arriva Serghey: lui parla con i 2, mi traduce in inglese ed io spiego in italiano ai miei compagni: una navigazione dialettica attraverso un mare di battute e situazioni simpatiche, spesso esilaranti, attraverso tre lingue.
“Giovà, se tu ti fidi di loro, io mi fido di te, ripariamo qui!!”
Non credo alle mie orecchie, maledetto zuccone marchigiano, probabilmente lo fai per mettermi in difficoltà, rimango spiazzato, pensare che ero già pronto ad una delle nostre interminabili discussioni!! Vabbè, stavolta vinci tu, ma non è finita qui!
Lasciamo Gina ed Ali in osservazione mistica del mezzo e torniamo in pensione!
Per le telefonate Ali mette a disposizione un cellulare con scheda locale e per Pierandrea una Africa Twin!!
Inizia l’attesa!!

18 agosto
La giornata inizia un po’ a rilento, la cena di ieri si è protratta oltre il dovuto, ho bevuto troppo, stranamente, abbiamo conosciuto alcuni amici di Walter, che fanno parte della comunità italiana di Bishkek, tra cui 2 abruzzesi e nonostante lo stordimento devo dire che mi sono proprio divertito!!! Ieri sera Serghey mi ha chiamato informandomi che la moto è smontata e che domani mattina, cioè oggi, andranno a cercare la molla, che ufficialmente è rotta!
Walter in azione ai fornelli
Trascorro la mattina nel ristorante di Walter, aiutandolo in alcune faccende e facendomi raccontare la sua storia. Originario della provincia di Pesaro, due figlie, una moglie con la quale entra in conflitto a causa del lavoro. 
“stavo bene con lei, ma il mio lavoro era troppo importante, le promettevo di allentare i ritmi, ma poi non ce la facevo proprio ed alla fine ci siamo separati! Così prima cambio attività e lascio casa, poi un amico mi propone un’opportunità lavorativa in Kirzghistan. L’occasione era molto conveniente, ma ricordo che 10 anni fa, non sapevo neanche dove fosse questo paese, 2 sere dopo chiesi a mia figlia di portarmi un atlante, puoi immaginarti la mia sorpresa, quando vidi questo fazzoletto di terra vicino alla Cina!!!! Che ci vado a fare….poi invece…..2 anni quì, poi le mie figlie, mi convincono a rientrare, ma maledetto lavoro, resisto poco ed eccomi qui di nuovo a gestire questo ristorante! Il mio lavoro è importante, mi piace e tutto sommato mi sto togliendo le mie soddisfazioni!”
Il pomeriggio ci concediamo una passeggiata per il centro, Bishkek è una città piacevole, rilassata con belle ragazze.
Il telefono squilla, è Serghey, la moto è pronta, Gina passerà a prenderci alle 19!
la moto è pronta!
La molla rotta, un banale pezzo da un paio di euro è sigillata in una busta, la nuova è miracolosamente uscita da un ricambio mercedes, un pezzo dell’accensione di qualche macchina di età indefinita!!! Estrattore? Ripenso alle parole "dell'espertone" di meccanica italiano!! Come avranno fatto, probabilmente quì avranno smontato il cambio con i denti!! Ali, ci fa vedere dal suo cellulare la moto letteralmente vivisezionata sul pavimento del garage, ed aggiunge, si riinizia con la navigazione fra più lingue, che l’ammortizzatore lavora con un angolo innaturale e sta consumando la parte anteriore della trasmissione cardanica, che il cilindro sinistro ha le valvole lente e che il rack è spaccato e bisogna saldarlo!! Stavolta Pierandrea è senza parole ma sembra assolutamente felice della situazione. Prendiamo accordi per la mattina successiva per la saldatura, gli altri lavori verranno fatti in Italia e via a cena.
19 agosto
La mattina alle 10 siamo dal nostro amico per gli ultimi interventi. Un paio di ore e siamo di ritorno. Ultimi controlli, regolazioni varie, pieno di benzina. Siamo pronti, direi a tempo di record, domani ci rimettiamo per strada.
Si entra in Kazakistan, direzione Almaty.





Ettore, Walter, Pierandrea e Lorenzo